skip to Main Content

Better call Saul (Bass)


A 100 anni dalla nascita di Saul Bass e in occasione della realizzazione del documentario “Centenario di Saul Bass” ho pensato che fosse giusto omaggiare uno dei più innovativi graphic designer della storia.

Saul nasce a New York da una famiglia di immigrati ebrei. Dopo aver ottenuto la borsa di studio all’Art Students College, inizia a lavorare come assistente al dipartimento artistico della Warner Bros e, intrapresi gli studi universitari, subisce l’influenza degli insegnamenti di Laszlo Moholy-Nagy, appassionandosi al Costruttivismo e al Bauhaus.
Dopo un periodo di apprendistato in alcuni studi di design, diventa art director dell’agenzia Buchanan & Co. A Los Angeles e nel 1952, apre il suo studio, Saul Bass & Associates.

Una scelta che gli permette di lasciare la sua inconfondibile impronta nel mondo della grafica, realizzando marchi per alcune delle più celebri aziende americane (Kleenex, US Airways, AT&T, Minolta) e di rivoluzionare l’industria cinematografica hollywoodiana con le sue locandine e i memorabili titoli di testa dei film. Durante la sua incredibile carriera, Bass ebbe modo di misurarsi con diversi registi d’eccezione, tra cui Preminger, Hitchcock, Wilder, Kubrick e Scorsese.

Nel 1954 il regista Otto Preminger si rivolge a lui per la progettazione del poster di Carmen Jones: il risultato lo lascia talmente soddisfatto da indurlo a commissionare a Bass anche i titoli di testa del film.
Alla collaborazione ne seguono altre con Billy Wilder, Robert Aldrich e di nuovo con Preminger per L’uomo dal braccio d’oro (1955) che lo rende noto in tutto il mondo.

Nel 1956 entra a far parte del suo studio Elaine Makatura, sua futura moglie, con cui sviluppa molteplici progetti e con cui vince il premio oscar, nella categoria cortometraggio documentario, per Why man creates, nel 1969.

Il maggior talento di Bass consiste nell’aver individuato la potenzialità espressiva dei titoli di testa, sostenendo che possano trasportare il pubblico in un’atmosfera speciale e mai provata prima, introducendo al mood del film e che possano diventare veri e propri simboli dell’opera.
Capisce inoltre che possano essere utilizzati come prologo, raccontando eventi successi prima dell’inizio della narrazione, o come epilogo, descrivendo la conclusione degli accadimenti.

Uno dei momenti più importanti della carriera di Saul Bass è la realizzazione dei titoli di testa e della locandina del film Anatomia di un omicidio, di Preminger, diventati icone nel campo della cinematografia.
La composizione, sia dei titoli di testa che della locandina, anticipa e simboleggia la trama del film; un’indagine riguardo un assassinio; la parola “Anatomy” assume un doppio significato, sia l’anatomia di un corpo fisico scomposto che la scomposizione in indizi e snodi di un caso poliziesco, conferendo all’immagine un velo di ambiguità, in quanto i due significati si sovrappongono, si confondono e diventano parte di una stessa forma completa.

Bass sostiene infatti che l’immagine e il titolo ideali debbano possedere “una semplicità che contiene una certa ambiguità”; l’obiettivo è quello di comporre un’immagine il più semplice possibile, che risulti enigmatica e faccia riflettere l’osservatore su un piano simbolico e universale. Nel complesso, la composizione dei titoli di testa e la locandina delineano i tratti predominanti dello stile di Bass: un’estrema sintesi grafica in grado di trasmettere messaggi complessi.

L’abilità di Bass viene in seguito utilizzata da Alfred Hitchcock per le sequenze introduttive di La donna che visse due volte (1958), Intrigo internazionale (1959) e Psyco (1960) per cui Bass disegna e dirige l’iconica scena della doccia.

Per Kubrick invece realizza i titoli di Spartacus (1960), aiutando il regista a elaborare la composizione di alcune scene del film stesso, e progetta un poster per Shining (1980).

Nel 1974 si dedica alla regia del film di fantascienza Fase IV: distruzione Terra (1974), che non riscuote il successo sperato. Questo lo spinge a dedicarsi maggiormente al graphic design, progettando i marchi di At&T, Minolta, United Airlines e Bell Telephone Company.

In seguito, Bass realizza le sequenze introduttive di Dentro la notizia (1987) e Big (1988), per poi instaurare un solido legame professionale con Martin Scorsese, che va dai titoli di testa di Quei bravi ragazzi (1990) al poster per Cape Fear – Il promontorio della paura (1991).

Saul Bass collabora inoltre con Steven Spielberg, per il poster di Schindler’s List (1993) e realizza i poster per le cerimonie degli Oscar dal 1991 al 1996, anno in cui perde la vita a causa di un tumore.

Saul Bass non c’è più ma la sua opera vive ancora. Sia grazie alla recente usanza di tenere aperto il sipario prima dei titoli di testa (dettata dal grande valore che hanno acquisito), sia attraverso i numerosi tributi con cui i designer contemporanei gli rendono omaggio nei titoli iniziali dei film.

Apri la chat
Posso aiutarti?